Un dropship di successo ? La chiave è nella gestione delle risorse.

droshipping

in ecommerce

Il dropship è un metodo di vendita che erroneamente si pensa molto facile e a basso rischio.  Si costruisce un rapporto con un fornitore che possiede un magazzino, si vende la merce e la consegna in tempo è fatta dal nostro fornitore, si paga la merce e si trattiene l’utile. Apparentemente  nessun rischio, si risparmia sui costi di magazzino ed imballaggio, la gestione degli ordini, e si incassa solo per gli articoli che si vendono.

Come tutte le cose che sembrano molto facili la realtà è più complessa. Il dropship può essere un trampolino per un successo nelle vendite, come rivelarsi un’attività molto difficile e rischiosa.
Il punto di partenza è: trovare un fornitore all’altezza del compito e non è facile.
Non basta che il fornitore abbia la merce, deve anche avere esperienza in questa attività e bisogna che entrambi, fornitore e commerciante, lavorino in sintonia e con molta attenzione.

Qui ho messo 3 indicazioni importanti per il commerciante che vuole affrontare il dropship. Non sono le uniche indicazioni, ma sono quelle che fanno capire come questo lavoro non si improvvisi e che richieda dedizione come ogni lavoro.

1 – Fai molta attenzione alla gestione del tuo inventario.

Sembra un controsenso parlare di inventario in un dropship, perché l’essenza del dropship sta nell’evitare di investire nel magazzino avendo un fornitore che lo fa al posto tuo.
Tuttavia è proprio necessario fare attenzione al magazzino per evitare la situazione molto spiacevole quando il tuo fornitore ti informa che il prodotto che hai appena venduto non è più disponibile.

Ci sono alcune cose che si possono fare per evitare questa situazione.

  • Vale la pena di avere una piccola dotazione di prodotto degli articoli che sono a maggior rotazione, una scorta minima disponibile, proprio per far fronte  a situazioni di difficile approvvigionamento.
  • Identificare delle fonti alternative, sempre per soddisfare gli ordini.
  • Chiedere al fornitore principale di appartare della merce, come una sorta di rete secondaria di sicurezza, oltre alla scorta che potresti avere.
  • Se si interrompe la fornitura di un prodotto, bisogna immediatamente toglierlo dalla vendita, fino a quando non si è sicuri che la tua fonte primaria ne abbia una scorta nuovamente sufficiente.

2 – Crea un rapporto di fiducia e duraturo con il fornitore.

Stabilire una relazione profonda per fiducia ed affidabilità con un fornitore per la vendita in dropship è una condizione essenziale per aver successo in un mercato difficile e competitivo.

  • Un rapporto di fornitura deve essere garantito da un contratto. Definisci e concorda tutte le questioni che riguardano i tempi di consegna (la spedizione viene fatta al cliente direttamente, non a te), le spese di spedizione, le garanzie, i rimborsi, le responsabilità, le sostituzioni e le notifiche della disponibilità dei prodotti in magazzino.
  • Devi essere molto chiaro che il cliente non deve ricevere pubblicità del fornitore nella spedizione, promozioni e buoni sconto che non siano le tue pubblicità ed i tuoi buoni. Il prodotto deve essere rappresentativo della tua azienda, non dell’azienda del fornitore.
  • Un buon rapporto con il fornitore prevede anche che tu fornisca delle previsioni di vendita di alcuni prodotti in modo da garantire sempre disponibilità e spedizione. Lavora per costruire una partnership e ne avrai solo vantaggi.
  • Definisci accuratamente le condizioni di imballaggio e di spedizione della merce. E’ un aspetto molto importante perché il cliente fa sempre riferimento a te per tutti i problemi di spedizione ed imballaggio, ed in gioco c’è la tua azienda e la tua immagine.
  • Comunica costantemente con il cliente e con il fornitore, mantieni una forte linea di comunicazione per assicurarti che tutto venga gestito nel modo migliore possibile.

3 – Gestisci le aspettative del tuo cliente.

Il cliente che compera la merce è la persona più importante nella catena distributiva. Il dropship potrebbe essere una novità per te, ma il tuo cliente potrebbe aver già comperato in questo modo molte altre volte.

Il tuo compito è quello di garantire una ottima esperienza d’acquisto, vendendo beni di qualità da fornitori affidabili facendo in modo che il cliente non si accorga di nulla e che tutto fili liscio senza intoppi. Un altro aspetto fondamentale è informare il cliente che può ricevere la merce in confezioni separate se compera più oggetti che provengono da fornitori diversi, e fai anche molta chiarezza sui tempi previsti di consegna.

Come vedi, gestire un ecommerce in dropship non è un lavoro di solo relax, listi la merce ed aspetti le vendite. Se anche non hai il compito di gestire fisicamente le spedizioni, la  cura e la gestione del tuo negozio online richiede tempo, cura e dedizione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Questo post è stato trovato con:

dropship, vendere su amazon conviene, fornitori dropshipping

Commenti

comments

  • alepanno

    Una domanda su questo aspetto Giovanni.

    All’interno della confezione il cliente non deve ricevere buoni del fornitore, ma per quanto riguarda eventuale fattura/ricevuta o altro foglio d’accompagnamento?

    E anche sul pacco, non ci saranno i dati del fornitore?

    Essendo quest’ultimo un rivenditore, non c’è il rischio che il cliente ci abbandoni per lui?

  • giovannicappellotto

    @alepanno Il rapporto con il fornitore dovrebbe essere che costui spedisce per tuo conto al cliente e che non utilizza i consumatori per poi eliminare l’intermediazione commerciale. E’ un rapporto che conviene ad entrambi. Il fornitore raggiunge, in termini esponenziali, un numero di clienti che normalmente non riuscirebbe a raggiungere. Il venditore si appoggia ad un magazzino e ad una scelta di prodotti che lo libera della necessità di scelta e ricerca. Nella condivisione di vantaggi e costi per entrambi si trova la giusta combinazione e la remunerazione più adatta.

  • giovannicappellotto

    @alepanno Il rapporto con il fornitore dovrebbe essere che costui spedisce per tuo conto al cliente e che non utilizza i consumatori per poi eliminare l’intermediazione commerciale. E’ un rapporto che conviene ad entrambi. Il fornitore raggiunge, in termini esponenziali, un numero di clienti che normalmente non riuscirebbe a raggiungere. Il venditore si appoggia ad un magazzino e ad una scelta di prodotti che lo libera della necessità di scelta e ricerca. Nella condivisione di vantaggi e costi per entrambi si trova la giusta combinazione e la remunerazione più adatta.

  • sabino.martiradonna

    Tutto assolutamente condivisibile. Ora, il prossimo passo è il “contratto” da far sottoscrivere al fornitore…

    Hai per caso qualche suggerimento?

    Grazie e complimenti per gli articoli.

  • giovannicappellotto

    @sabino.martiradonna Grazie dei complimenti, fanno sempre piacere. All’argomento del dropshipping volevo dedicare diversi post perché è molto interessante e fare una sorta di censimento delle norme e condizioni che possono essere utili per migliorare il lavoro.

Previous post:

Next post: