5 ragioni perché funzionerà f-commerce

f-commerce, facebook commerce

in ecommerce

C’è un bel dibattito attorno al commercio su Facebook, F-commerce, con molte opinioni autorevoli favorevoli e contrarie. La discussione verte anche sui numeri e la lettura dei dati. Forrester Research ha pubblicato un report dove mette in rassegna una serie importante di esperienze negative di imprese che non hanno trovato un buon ritorno sull’investimento e faticano a correlare vendite e presenza su Facebook. Ma  Forrester Research è molto prudente nel giudicare il futuro possibile del commercio su Facebook.

E’ vero che sempre più grandi aziende investono in questo settore. Non penso solo alle aziende che vendono, ma anche a coloro che stanno approntando servizi tagliati per il social commerce come PayPal, Amazon, eBay.

SocialTimes pubblica un elenco di cinque ragioni rivolte ad un futuro immediato che ritengo molto convincente.

1 – Facebook è già un centro commerciale.

Facebook è già un ecosistema coinvolgente per milioni di persone che passano parte del loro tempo parlando, guardandosi in giro, scambiandosi messaggi. Un comportamento molto simile alla passeggiata nei centri commerciali per chi è abituato a frequentarli, ma che mutua la stessa esperienza dei centri storici commerciali e delle migliori vie animate delle città.
La soglia di accesso all’apertura di negozio su Facebook è molto bassa e forse molto basso il rendimento attuale, perché bisogna immaginare un modo diverso di porsi nell’offerta e nella ricerca del cliente.

Ma è  un fatto incontrovertibile che i negozi si aprono dove ci sono le persone.

2 – Aumenta il tempo speso sulle Pagine

Gli utenti cominciano ad usare più le Pagine, anche se sono ancora restii a pubblicizzare le loro scelte. Atteggiamento molto comprensibile che potrebbe anche non cambiare. Per fortuna la “chiamata” compulsiva a diventare fan di una pagina non è più possibile e questo comporterà che le aziende dovranno inventare nuovi e migliori modi di dialogo con in clienti sulle Pagine.
Del resto si è scambiata come attività sociale qualcosa che era molto simile allo spam.

3 – Essere dove c’è il cliente.

Un argomento contrario allo sviluppo del F-commerce afferma che se ho già il mio negozio online ed i miei clienti comperano sull’ e-Commerce, non faccio un buon affare se lavoro per spostare il traffico di acquisto verso Facebook.
Nel commercio tradizionale c’è qualche commerciante che rinuncerebbe ad avere un secondo spazio in una via commerciale molto frequentata, soprattutto se oggi i costi sono bassi ?
Probabilmente no.

4- I commercianti di oggi non sono venditori F-Commerce di domani.

Quindici anni fa le previsioni sull’e-Commerce erano sicuramente diverse, e non erano i negozianti tradizionali la fonte principale del cambiamento. I negozianti tradizionali cominciano oggi a capire che è difficile proseguire un’attività offline senza avere una sponda online.
Con tutta probabilità il commercio su Facebook non passa attraverso cataloghi, ma attraverso la costruzione di nicchie di prodotto sicuramente legate al grafico sociale. Questo significa nuovi modi di presentare ed organizzare l’offerta, ma anche modi diversi di ricerca da parte del cliente.

5 – Facebook credits e sistemi pagamento ?

Nel momento i cui Facebook lancia i Facebook credits che si acquistano via PayPal, sicuramente pensa ad un loro utilizzo esteso. Sulla nuova moneta elettronica e sulla gestione dell’identità digitale si sta combattendo una strenua battaglia con tanti attori, Facebook, PayPal, Visa, Google. Difficile dire se questo è davvero un punto di forza come afferma SocialTimes. Però le merci si comperano e si pagano…

Gli ostacoli ci sono.

Non sono rose e fiori e non tutto è facile. Cresce l’uso del mobile, crescono le applicazioni mobile dei grandi e-Commerce, su questo settore Facebook ha ancora molto da fare, la crescita complessiva dell’e-Commerce è sotto gli occhi di tutti, il commercio su Facebook è una opportunità, prima che una realtà.

Tuttavia il momento di cominciare è adesso, perché il piano per essere presenti su Facebook con un’attività commerciale non ha nulla di diverso dalle buone iniziative di marketing sociale che devono essere gestite da un marchio che punti al successo.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Questo post è stato trovato con:

facebook commerce

Commenti

comments

Previous post:

Next post: