Organizzare una buona presenza su Facebook

facebook

in social network

E’ obbligatorio che un’azienda abbia una pagina su Facebook ?
Per molti “bisogna” avere la pagina Facebook, non importa se ben utilizzata o gestita. Essere presenti in un social network con 600 milioni di account è un “dovere”. Ragion per cui, a fronte dei possibili benefici, il rischio modesto di essere insignificanti viene valutato come percorribile.

Apro quindi la pagina, pubblico qualcosa, non la seguo e qualcosa comunque spero di ottenere.

Quattro tipi di pagine

Alla confusione contribuisce la genesi e le trasformazioni successive che ha avuto Facebook.
Oggi si possono avere Profili, Pagine ufficiali, Gruppi e Pagine di Comunità. Ognuna di queste pagine permette interazioni sociali e ha caratteristiche diverse.

L’obiettivo non è spiegare i differenti usi delle singole pagine possibili, che penso ognuna conosca avendo provato su se stesso potenzialità ed errori. A posteriori è facile per tutti non sbagliare e non esiste esperimento migliore che provare sulla propria pelle.

facebook-gruppi-pagine

Quello che emerge con forza, dai progetti che si stanno sviluppando con diverse aziende, è il fatto che

non è possibile pensare di far tutto con una sola pagina

Sarebbe più opportuno aprire più pagine per diversi motivi.

  1. Aumenta l’esposizione del marchio sfruttando alcune situazioni presenti. Places, comunità, gruppi
  2. Non si resta ipnotizzati dalla ricerca del numero dei fan, che non mi sembra garantisca poi la redditività della pagina stessa.

Una buona soluzione potrebbe essere

  • Una pagina ufficiale per il marchio, per la conoscenza del brand
  • Una pagina ufficiale per ogni linea di prodotto
  • Profili personali per i rappresentanti del prodotto: sono persone vere legate al prodotto.
  • Gruppi per unire diversi appassionati su un argomento specifico
  • Pagine di comunità per posizionarsi su alcuni argomenti
  • Business locale per la rete vendita ed il commercio al dettaglio dei prodotti.

E’ chiaro che se moltiplico le pagine cresce anche il carico di lavoro, e magari diminuisce l’attività sulla singola pagina.

Considera questi elementi

  • Il successo della pagina non dipende dal numero delle pubblicazioni, ma dalla vicinanza e dall’affinità che crei con i fan della pagina stessa.
  • Ci sono strumenti che consentono di gestire più pagine alla volta (Hootsuite, MarketMeSuite e tanti altri)
  • Il successo è sempre condizionato dall’investimento che si vuole fare.
    Non si ottiene tanto con nulla ed il modo con cui si valorizzano i progetti segna quanto è il tuo interesse.

In altri termini: definisci bene come vuoi sviluppare la presenza del tuo brand su Facebook.
Individua le risorse opportune: economico finanziarie, il tempo da dedicare e le persone che se ne devono occupare. Prendi il tempo necessario per organizzare la migliore presenza con contenuti di qualità.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

comments

  • Pingback: Facebook Login » Organizzare una buona presenza su Facebook — Giovanni Cappellotto()

  • Posso dire di solo di seguire questi preziosi consigli. Ruba tempo è vero ma il riscontro è grande, parola di chi si impegna su questo ormai da un paio di anni in modo costante e serio.

Previous post:

Next post: