Perché molti grandi dettaglianti stanno guardando ad eBay ?

ebay

in ebay

Molti dettaglianti stanno cercando di diversificare il loro business e le loro vendite, cercando nuovi sbocchi e nuove opportunità in diversi canali online.
Vendere in un marketplace come eBay presenta delle opportunità per un venditore di grandi volume, sia dal punto di vista tecnico che della crescita del volume d’affari.

Tradizionalmente, il modello di eBay basato sulle aste risultava poco attrattivo per un commerciante che non aveva il tempo e la flessibilità per competere in questo ambiente.
Tuttavia, da un paio di anni, nello sforzo di acquisire nuovi importanti venditori, eBay ha modificato la struttura del suo marketplace indirizzandosi sul prezzo fisso.

Sono ormai diverse le realtà importanti che portano su eBay il loro catalogo completo

per raggiungere il maggior numero possibile delle decine di milioni di visitatori che popolano eBay marketplace.

E’ un luogo comune che un grande negozio non possa vendere con successo su eBay. Diversi sono ormai i venditori che abbiamo portato con successo a realizzare volumi consistenti e altri progetti sono in partenza con cataloghi di prodotti di tutto rispetto.

La struttura delle tariffe

L’attuale struttura delle tariffe, focalizzata sul prezzo fisso e favorevole a chi dispone di grandi quantità di merce è costruita per attrarre grandi venditori con cataloghi importanti ed in linea con quanto già avviene in altre strutture di vendita come Amazon, tutta basata sul prezzo fisso al consumatore.

Un aspetto importante di ogni strategia legata ad un ecommerce di successo è stabilire quando, quanto spesso e quanti articoli listare in un marketplace.

In questi anni abbiamo sviluppato alcune strategie e selezionato specifici programmi che integrano eBay in una strategia multi canale e che aiutano espressamente una gestione attenta delle inserzioni e della loro redditività. Siamo anche in grado di consigliare le migliori soluzioni e formare le persone che lavorano alla vendita.

grafico vendite ebay

Le vendite a prezzo fisso rappresentano il 60% delle vendite totali

Controllo dell’inventario

eBay sta affrontando grandi cambiamenti: la crescita del mercato degli annunci, la costruzione del catalogo, la modellazione dei comportamenti dei clienti, il commercio su mobile, l’integrazione tra commercio offline ed online. Per un venditore che opera in molti settori è importante una gestione adeguata dell’inventario che è effettivamente distribuito ad un numero vasto di potenziali compratori.

Non ci si dovrebbe mai trovare nella situazione di aver venduto lo stesso unico prodotto a due clienti contemporaneamente e d’altra parte nessun venditore vuole che i prodotti siano fermi in magazzino. Ci sono soluzioni di gestione del magazzino che tengono traccia degli inventari e permettono la gestione di vendite su più canali contemporaneamente.

Gestione delle inserzioni e diffusione del brand

eBay spinge i venditori a mettere online il maggior numero di prodotti nei vari mercati nazionali, a gestire le spedizioni gratuite, ed elabora un sistema di ricerca chiamato Best Match con innumerevoli indici ed infine sostiene le vendite con inserzioni a pagamento e con pay per click sulla piattaforma. E’ anche vero che che molti brand famosi hanno visto eBay come il luogo in cui venditori non autorizzati hanno venduto in violazione dei diritti dei marchi stessi.

Il problema è dunque assistere il venditore nelle modifiche continue alla piattaforma con la giusta formazione, così da reagire prontamente alle opportunità che si creano, oltre a fornire il miglior sostegno per mettere in vendita i prodotti, con una immagine coordinata ai valori del brand. Così come la presenza su eBay di ben riconosciuti brand che vendono i loro prodotti, è la dimostrazione della opportunità per i venditori di inserire i prodotti del proprio marchio alla ricerca delle migliori opportunità di vendita.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

comments

  • Tiziano

    Io sinceramente credo che ebay dovrebbe dividere in modo netto la vendita professionale da quella occasionale, quando dico dividere intendo proprio due siti diversi senza la confusione che invece regna attualmente, insomma un ebayprof e un ebayauction, nel mantenere un unico sito come si fa attualmente si sono invece allontanati i piccoli venditori che mettevano all’asta i loro oggetti. Infatti è sempre più difficile trovare occasioni o pezzi da collezione.

  • eBay è diventato costoso per chi tratta merce con un margine ristretto visto che ormai costa il 6,75% dell’importo oltre ai costi di inserzione e alle tariffe PayPal.. I grandi volumi giustificano l’impresa, i piccoli no.. Quello che vale è senza dubbio la visibilità e la possibilità di acquisire clientela per il proprio sito dove vendere magari a prezzi inferiori rispetto ad eBay..

Previous post:

Next post: