Amazon, eBay e Google vogliono il mercato locale

annunci online social commerce

in amazon

Amazon, eBay e Google stanno pianificando acquisizioni importanti per dare uno slancio alle vendite entrando in nuove nicchie di mercato.

Crescono gli investimenti nei servizi locali per soddisfare gli acquirenti locali ed i negozi.

  • Amazon progetta di investire 175 milioni di dollari su LivingSocial, una società che gestisce coupon ed offerte speciali online
  • eBay ha acquisito Milo.com, che consente agli utenti di vedere se i prodotti che cercano sono disponibili sugli scaffali dei negozi locali.  eBay sostiene con massiccie campagne pubblicitarie eBay annunci e chi ha un negozio tradizionale ne capisce la grande potenzialità.
  • Google progetta un acquisto clamoroso investendo fino a 6 miliardi di dollari per comprare Groupon ed  entrare nel mercato della pubblicità locale.

Perché Groupon è cosi ambita ?

groupon incassa 1 miliardo di dollariIl principio di Groupon è semplice:

  • offerte scontate a più del 50%
  • divisione della cifra d’affari generata tra il cliente e Groupon
  • un sito efficace e di buon contenuto editoriale

Su questi concetti Groupon è stata la società che ha raggiunto il miliardo di dollari di incassi nel più breve tempo: solo due anni.
Dopo i primi 17 mesi Groupon ha ottenuto un finanziamento di 135 milioni di dollari di Digital Sky Technologies.
Solo YouTube ha fatto meglio di Groupon.

Tutti verso il social commerce ?

incassi google per provenienzaLa tendenza è verso consumi condivisi e cercati per prodotto, valutazione, recensione. Si può anche pensare che i social network come Facebook possano essere dei motori di ricerca.
E’ però un fatto che l’integrazione tra commercio tradizionale e commercio online è una tendenza incomprimibile e che il mercato pubblicitario che ci sta sotto sia un giacimento che fa gola a tutti.

L’acquisizione di Groupon sarebbe una spinta alla  diversificazione delle entrate di Google, con rilevanti sinergie potenziali: mercato potenzialmente enorme, forza di vendita e di persuasione consistente su Groupon.

Se Google è sempre alla ricerca di nuovi inserzionisti, Groupon potrebbe essere un canale di acquisizione supplementare, sia nei confronti delle attività locali (ristoranti, negozi, magazzini, ecc) a cui proporre contestualmente anche un’offerta Adwords.

Tutto facile ?

Non è detto che sia facile come sembra sulla carta.
I problemi sono molti e spaziano in varie direzioni:

Conflitto di interessi
Molti negozi e molti ecommerce sono inserzionisti Adwords ed avrebbero come concorrente il loro fornitore di servizi.

Neutralità dell’annuncio
Un inserzionista Adwords  può pensare che i propri danari vadano poi a potenziare un concorrente.

Posizione monopolista
Numerosi commercianti e siti ecommerce potrebbero non avere alternativa che aderire al nuovo canale a condizioni prefissate e non negoziabili.

Un commerciante deve quindi pensare seriamente alle opportunità del mercato degli annunci e allo sviluppo della propria attività. Ma deve farlo nell’ambito di una strategia ben ragionata, ben formata, che punti allo sviluppo della propria nicchia e alla crescita della dimensione, acquisendo informazione e conoscenza che gli permettano di utilizzare questi strumenti al meglio.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

comments

Previous post:

Next post: