Web usability: migliorare l’ergonomia del tuo sito web

usabilita, percorso cliente

in ecommerce

 I venditori sul web pongono una domanda ricorrente: perché i clienti non leggono tutto nelle inserzioni ? La domanda ha diverse interpretazioni, più o meno benevoli:

  • perché se scrivo tutto sull’inserzione per prevenire ogni domanda, il visitatore non legge ?
  • perché il potenziale cliente mi fa delle domande ?

Le risposte possono essere varie:

  • per fortuna il visitatore fa domande…
  • è così fastidioso e difficile rispondere alle domande del potenziale cliente ?

Inutile recitare il verbo della simpatia e della conversazione se poi si cade, alla prova dei fatti, nella incapacità di gestire un rapporto con il cliente.
Credo però che la questione principale stia nella sottovalutazione, quando non nella cattiva gestione, in molti siti web del percorso cliente e dell’ergonomia.

Il navigatore non legge, scansiona elementi

Per il principio di conservazione dell’energia, nessuno può pensare di consumare più energia di quella che produce,  ed un principio analogo si potrebbe applicare anche ad Internet.
Perché devo lavorare di più e con più fatica per trovare le informazioni che mi interessano ?

Non solo. Noi attribuiamo all’azione di lettura un movimento specifico, per forza consecutivo. Ma leggere un’immagine non è leggere un testo, leggere un paesaggio è diverso, leggere un percorso in una mappa è ancora altra cosa.

Secondo Jakob Nielsen, il 79% degli utenti di Internet legge sempre in diagonale,  solo il 16% legge parola per parola!

lettura diagonale sul web10 secondi per trattenere un visitatore

Il navigatore esprime una sua intenzione e la mette nel motore di ricerca.
La nostra pagina ha uno
scopo preciso: convincere il visitatore ad acquistare.
Quando, per buona parte, intento del navigatore e scopo della pagina coincidono abbiamo poco tempo per convincere il visitatore di essere arrivato nel posto giusto.
Perché sprecarlo con tutte le informazioni inutili e non pertinenti ?

intento del cliente e scopo della pagina

La pagina dovrebbe essere letta secondo tre velocità di lettura:

  • In 2 secondi per determinare qual’è il messaggio principale
  • In 10 secondi il visitatore dovrebbe trovare l’accesso al percorso che corrisponde alle sue intenzioni di visita.
  • Entrando nel dettaglio, il visitatore deve trovare tutti i punti di soluzione alle domande che via via crescono

punti di risoluzioneI visitatori hanno tutti comportamenti diversi, possono raggiungere la medesima decisione dove li aspettiamo ma con processi psicologici diversi, come si vede in questa immagine, dove tutti i clienti non chiedono le stesse informazioni, ed il percorso non è sempre così lineare come ci si aspetta.

Non facile mostrare al visitatore che è arrivato sul posto giusto,  in un unico sguardo.

 

E’ necessario che il tuo sito risponda il più rapidamente possibile alle esigenze degli utenti per soddisfarli appieno.
Per farlo con un buon successo, bisogna assicurarsi di utilizzare parole chiave chiare e concise per facilitare la ricerca per l’utente. In caso contrario, fai attenzione alla frequenza di rimbalzo!
Dimostra in un attimo al tuo visitatore che è venuto al posto giusto!
Quindi contrassegna il testo con
  • titoli,
  • sottotitoli,
  • parole in grassetto,
  • e utilizza anche gli elenchi puntati

In conclusione non è sufficiente che un sito, ed un ecommerce in particolare, sia performante sotto l’aspetto della facilità d’uso e di inserimento dei prodotti, ma anche che sia strutturato e costruito secondo un percorso specifico che può variare a seconda della merceologia trattata e di molti altri aspetti tutti da considerare. La notizia positiva è che tutto si può misurare per migliorare efficienza e produttiva, a patto di affrontare la questione con gli strumenti e le competenze adeguate.

photo credits
http://www.slideshare.net/giacomo.mason/usabilit-dei-testi-per-il-web
http://future now
http://stevejencks.wordpress.com


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

comments

  • Pingback: Marketing e motori di ricerca : Web usability: migliorare l’ergonomia del tuo sito web()

  • Pingback: Marketing e motori di ricerca : Web usability: migliorare l’ergonomia del tuo sito web()

  • Pingback: I comportamenti tipici degli utenti da non dimenticare()

Previous post:

Next post: