3 consigli per far crescere gli abbonati della tua mailing list

mailing list

in mail marketing

Alcuni anni fa era facile attirare abbonati ad una mailing list per ricevere informazioni periodiche: era sufficiente un sito web dignitoso, buoni contenuti, buona grafica, un modulo di registrazione e tutto si compilava con facilità.

Oggi le cose sono cambiate ed è più difficile attrarre l’attenzione.

Uno dei principali motivi è la crescita dell’affollamento sulla rete. Tutti abbiamo le caselle di posta piene di messaggi e tutti sappiamo che la profilazione degli utenti e lo studio dei loro comportamenti è un obiettivo delle aziende e di chi ci scrive.
E’ un po’ un gioco a rincorrersi: io so cosa tu vuoi e dovresti davvero meritarlo per averlo.
Un po’ come il comportamento di noi consumatori in un negozio: una sfida a vedere se sei davvero interessato a vendermi qualcosa, mentre io non voglio darti punti di vantaggio.
Aumentare il numero delle persone che si iscrivono alla tua mailing list è quindi una combinazione di creatività e di anticipazione delle aspettative del cliente.  Vista la posta in gioco, bisogna porre quindi attenzione a quello che si fa.

1 – Superare la riluttanza

Chi non si fida del tuo marchio, non si iscrive. Oppure ti da un  indirizzo spazzatura.
Le questioni essenziali per infondere fiducia sono:

  • il mio indirizzo mail sarà ceduto a terzi ? Le persone sanno che questa è una pratica diffusa e la sentono come la fonte principale dello spam. Se c’è qualche dubbio che tu possa agire in questo modo, difficilmente ricevi l’indirizzo principale di chi vuole iscriversi.
  • Sarò in grado di cancellarmi rapidamente ed in tutta sicurezza ? Anche questa è una buona ragione perché in molti abbiamo sperimentato la cancellazione da mailing list che puntualmente ci rimandavano ancora mail. E’ importante quindi controllare che il processo di cancellazione avvenga effettivamente, senza intoppi. Ed è pure importante rassicurare gli abbonati che questo avviene. Potrebbe essere utile anche un breve tutorial di spiegazione.

2 – Onorare lo scambio di dati

I clienti conoscono benissimo il valore del loro indirizzo mail e sanno anche bene che scrivere un indirizzo mail in un form di contatto è uno scambio economico.  Cosa si aspettano ? Almeno uno scambio equo di notizie ed informazioni utili.
Un modo semplice di sviluppare valore potrebbe essere quello di aggiungere incentivi economici come sconti e coupon se hai un ecommerce. Tuttavia la maggior parte delle persone si iscrive per altri motivi, come la ricerca di informazioni, nuovi prodotti oppure informazioni riservate.

Per dimostrare che la registrazione ha un valore effettivo bisognerebbe porsi in anticipo queste due domande:

  1. c’è un obiettivo e chiaro vantaggio ad iscriversi a questa mailing list ?
  2. il contenuto è rilevante fin dalla presentazione dell’offerta di iscrizione ?

3 – Seguire il patto è sempre una regola d’oro

Interrogati in un apposito focus group i partecipanti hanno sottolineato come le cose davvero importanti sono: il rispetto per i contatti, l’invio di contenuti davvero significativi, una informazione chiara e concisa.

Le nozioni di base dell’e-mailing non vanno dimenticate,  si tratta sempre di uno scambio rispettoso tra individui.

 

I clienti non tollerano sentirsi usati. Essi vogliono semplicemente essere informati, ottenere vantaggi e non essere presi in giro.

Clicca qui per trovare l’originale articolo in inglese pubblicato su MediaPost

photo credit: sunshinecity

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

comments

Previous post:

Next post: