La metà dei venditori non ha una presenza significativa su Facebook

presenza social media

in social network

La ricerca di Media Post News rileva che:

  • solo il 25% dei migliori venditori online, presi per volume di vendita, hanno una presenza formale su Facebook
  • solo un altro 25% è presente con la propria Fan page ed hanno meno di 10.000 contatti.

La ricerca è ambientata negli Stati Uniti, ma possiamo presumere che le valutazioni possano essere estese anche da noi.

Facebook ha 400 milioni di utenti nel mondo, più della metà delle persone che comperano online lo usa regolarmente e tra gli appassionati dello shopping online che frequentano i social media, l’81 % è regolarmente attivo. Con questi dati sarebbe da pensare che Facebook sia l’opzione migliore per ogni dettagliante che voglia raggiungere i consumatori online.

Nella realtà molti venditori non stanno usando le pagine Facebook per trarre vantaggio dalla presenza dei clienti già acquisiti e dei nuovi clienti.

Cosa cercano i consumatori sui social media

A gennaio 2010 eMarketer ha pubblicato la ricerca What Social Followers Want da cui emerge che molte persone usano i social networks per conoscere offerte speciali, informazioni sul prodotto e ricevere assistenza come clienti.

La lettura di questi dati offre uno spaccato abbastanza contrastante: utenti e compratori interessanti contro aziende poco presenti e che non adottano giuste strategie per interessare i potenziali acquirenti.

La maggior parte apre una Fan Page, raccoglie un certo numero di fan, ma non è in grado di gestire con continuità e con un programma i propri fan. La maggior parte riesce a trascinare clienti dal negozio eBay o dal proprio ecommerce, ma non riesce poi a concretizzare tutti i benefici del passaparola.

In altri termini, non sfrutta le possibilità di relazione che si possono creare con Facebook (ma anche LinkedIn) e da poco valore al proprio lavoro, salvo riempire ogni giorno con offerte generiche che sono soprattutto spam

I rivenditori devono prendere in considerazione come impegnare il loro pubblico: creare un piano dei contenuti che costruisce e sostiene la comunità nel tempo.

Questo è particolarmente interessante per molti grandi venditori su eBay ed in genere per chi è abituato a lavorare sui marketplace e non si poneva il problema del traffico. Fino a ieri.
Oggi il problema è all’ordine del giorno perché il traffico si trova in altri posti, non si devia, ma bisogna intercettarlo.

Questo vuol dire anche profilare i propri fan, sapere chi sono, come sono, trovare il modo di interessarli.
Lavorare sulla fan page in modo diverso per i fan e per chi vorrebbe diventarlo. L’obiettivo dovrebbe essere di creare contenuti pertinenti che coinvolgono il pubblico in modo continuativo, e questo in effetti è un vero lavoro.

Di questi argomenti parleremo a Padova sabato 6 marzo 2009, nel corso di Expogadget.it

Ad expogadget.it nella sezione dedicata alla formazione e gestita da Accademia delle Arti Grafiche di Venezia organizziamo la presentazione della piattaforma di Whispot con la presenza di Fabio De Bernardi che da Londra segue lo sviluppo in Europa di questo progetto.

Giovanni Cappellotto

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

comments

Previous post:

Next post: