Zalando, collaborazione con i negozi, nuovi modelli di commercio.

Post image for Zalando, collaborazione con i negozi, nuovi modelli di commercio.

in ecommerce

Zalando mette a punto un nuovo modello di collaborazione e di distribuzione delle merci per diventare il partner dei negozi di prossimità?
È sicuramente possibile. Zalando ha inizialmente testato la cosa con Adidas store a Berlino.

Adesso Zalando annuncia un progetto pilota con una decina di piccoli negozi per consentire loro di farsi carico degli ordini immessi sul sito Zalando quando hanno tempo, risorse e scorte necessari.
In pratica se un paio di scarpe, o un capo di abbigliamento, è venduto online su Zalando e le stesse merci sono disponibili anche in un punto fisico più vicino al cliente, si ha la possibilità di ordinare online e ricevere a casa, oppure ordinare online e ritirare direttamente nel negozio associato a Zalando.

Cosa vuol dire questa nuova esperienza ?

La prima cosa da dire è che i tedeschi di Zalando sono il sito di moda più importante e più amato dagli italiani.
Il primo in Italia e il secondo in Francia.

Nonostante tutto lo scetticismo sul rapporto tedeschi-moda, questo è un dato di fatto incontrovertibile.
Nelle patrie del fashion, in Italia dove lo scetticismo sull’acquisto online di vestiti e scarpe è ancora diffuso e dove ci sono imprenditori che giudicano impossibile vendere abbigliamento e scarpe online, Zalando è riuscito nell’impresa e conquista cuore e portafoglio degli italiani.
Se ancora state chiudendo gli occhi, sappiate che si sta già cambiando canale.

È un click and collec tra un pure player e un negozio indipendente o una catena di negozi e potremo vedere alcune vetrine di negozi con la vetrofania Zalando.  Forse è ancora presto per saperlo, ma si possono immaginare alcune cose molto interessanti.

Un vantaggio multiplo per i clienti, per i negozi indipendenti o le catene e per Zalando.

1- Per i negozi.

Che si tratti di commercianti indipendenti o di insegne diffuse, entrare nella corsa del business online con un leader in grado di generare traffico utile e volume d’affari, è molto significativo.
Molto più significativo e molto più di valore che creare dei luoghi in cui si consegna la merce a clienti che arrivano per ritirarla e che lasciano al massimo una firma.

Qui c’è una relazione di prossimità iniziata su Zalando tra un consumatore e un commerciante fisico che può apportare anche un tocco finale. Mi aspetterei anche che Zalando offra a sui negozi partner un complemento virtuale del loro negozio, così da passare facilmente in modalità multicanale.

Cè bisogno

  • di una nuova generazione di commercianti non ingessati ed imbolsiti.
  • Di aziende produttrici che siano orientate alla distribuzione e che sappiano impostare una relazione brand rivenditori.

2 – Per Zalando

Sono sempre convinto che un pure player non potrà mai aprire una propria rete di negozi.
Zalando, come Amazon, non ha bisogno di negozi per vendere e non è il suo lavoro.
Ma Zalando, e Amazon, dovranno inventare nuovi modelli per esistere fisicamente, perché c’è importanza del contatto fisico e bisogna garantire un percorso senza soluzione di continuità con la creazione di link umanizzati.

Sarebbe sbagliato parlare di Zalando come salvatore del commercio di vicinanza. Mentre è più corretto parlare di soluzioni di collaborazione.
Fate molta attenzione a questo modello, perché assomiglia molto più a Tmall Alibaba che ad Amazon…

3 – Per il consumatore

Scoprire e riscoprire nuovi negozi sotto una insegna sicura come Zalando, moltiplica in modo incomparabile le offerte nella vita reale. E in funzione di ciò che ognuno cerca, invece di passare da negozio inutile a negozio inutile, si possono sviluppare nuove relazioni e nuovi modelli di business che posizionano anche le piccole attività in un nuovo modello sociale.

Ancora una volta attenzione, perché il commercio cambia molto, molto velocemente.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

comments

Previous post:

Next post: