Vendere online di più con l’e-merchandising

emerchandising

in ecommerce

L’e-merchandising serve a vendere di più online, più spesso e meglio, serve a massimizzare le vendite e la redditività per soddisfare le esigenze e le aspettative dei clienti.
In un negozio fisico l’esperienza del cliente è strutturata dallo spazio di vendita, dalla disposizione dei percorsi, la merce esposta, le aree focali, le aree di relax, entrata e uscita del cliente. Nello shop online i clienti hanno molteplici punti di accesso, sono lasciati a se stessi, devono ottenere le informazioni da soli, senza elementi fisici che li possano guidare.

L’e-merchandising svolge un ruolo importante: servono pratiche differenti per guidare l’utente sul sito, ma anche per vendere di più.  Questo insieme di strumenti può far crescere il tasso di conversione del 20%, aumentare il volume d’affari e l’ordine medio, con effetti tutt’altro che trascurabili nella gestione di un negozio online.

Prima di cambiare la tua offerta o la tua strategia di web marketing, dovresti piuttosto vedere se il tuo sito è conforme alle regole di base dell’e-merchandising.

I. E-merchandising, cosa e come.

Lo scopo dell’e-merchandising è spingere il cliente a vedere quello che non vede e quello che tu vuoi che veda. L’e-merchandising agisce direttamente sul comportamento degli utenti e fa in modo di accompagnare ogni passo della visita del cliente nel sito.

Con quali mezzi e strumenti si lavora con l’e-merchandising?

  • I tuoi prodotti o servizi con i dati a loro connessi -usi, caratteristiche, performance economiche, aspettative dei clienti.
  • I dati comportamentali globali -visite, acquisti, pagine successive, prodotti nel carrello.
  • Le statistiche relative agli utenti -visite ripetute, associazioni tra prodotti, storia dell’acquisto.
  • Le tendenze decifrabili dai punti vendita fisici.
  • Le tendenze nell’e-merchandising.

Tutti questi mezzi devono essere considerati per avere un e-merchandising efficace e coerente con l’attività del sito commerciale. Ovviamente, ognuno di questi mezzi deve essere adattato a seconda del sito, dei prodotti in vendita, del design del sito stesso…

4 tappe per un e-merchadising efficace.

1 – Organizzare l’offerta.

L’organizzazione dell’offerta non è altro che il modo in cui i navigatori si muovono attraverso l’offerta e come è loro presentata in modo da massimizzare il loro rendimento.
In altri termini, si tratta di mettere l’offerta in sintonia con i desideri, le motivazioni, gli obiettivi in termini di volumi, di aspettative e di margini, e il posizionamento rispetto ai concorrenti.
Conviene quindi porsi tutte queste domande essenziali in modo da capire se l’offerta è organizzata coerentemente.

2 – Mettere in evidenza l’offerta per vendere di più online.

Si tratta di organizzare lo spettacolo della merce: costruire offerte attraenti per i navigatori che portino a comprare di più e più velocemente del previsto.
Ma non è solo questo. Migliorare la propria offerta aiuta a promuovere l’acquisto, ma aiuta anche a distinguersi dalla concorrenza e a fidelizzare i clienti. E’ importante una buona meccanica come un buon design per rendere il sito più attraente da visitare.
Quando si presenta un’offerta ci si può chiedere se gli utenti percepiscono rapidamente il vantaggio del sito rispetto alla concorrenza.

  • La mia offerta riflette l’ampiezza e la profondità del mio catalogo?
  • Quali prodotti devo evidenziare?
  • Come classificare le offerte in modo efficace?
  • Cosa metto in evidenza: i prodotti più venduti, i prodotti con più margine?

Bisogna mettere in discussione le pagine di atterraggio dei visitatori. Sono corrette o hanno punti di blocco? Trasformano?

Poi arriva l’analisi delle pagine prodotto, il pilastro della tua offerta. Nelle pagine prodotto, com’è la ricerca di informazioni? Sono presenti tutti gli elementi per portare all’acquisto?

Infine è importante chiedere se la  presentazione del prodotto può essere ancora più attraente e se è possibile fare un’offerta complementare al prodotto selezionato dal potenziale cliente per invogliare a un altro acquisto.

Sono tutte criticità che hanno una risonanza diretta sulla qualità del sito commerciale, ma anche sul tasso di conversione dei clienti.

3 – Ergonomia

Se la struttura della domanda e la sua messa in vista e è essenziale per la qualità del negozio online, l’ergonomia è sempre un aspetto fondamentale. Se si lavora con l’obiettivo di fornire la migliore esperienza di navigazione possibile agli utenti, questo passaggio partecipa attivamente alla ottimizzazione del processo di trasformazione.

Infatti, grazie ad una buona ottimizzazione ergonomica i visitatori avranno facile accesso alle informazioni rilevanti necessarie per l’acquisto, aiutando gli articoli in vendita e gli elementi che rendono unica la tua offerta.
Se sei un commerciante, è necessario conoscere le abitudini di navigazione dei visitatori e capire sei il tuo sito ha una buona navigazione, veloce, piacevole e conforme agli standard dell’e-merchandising.

4 – Servizi

Nonostante tutti gli elementi visti, non è sufficiente  avere un sito web ben costruito e ben organizzato.

Proporre servizi interni o esterni al sito può essere efficace per influenzare le prestazioni di business.

Oggi, è essenziale posizione oltre l’offerta come la migliore alternativa possibile per gli utenti. Ecco perché è bene distinguersi offrendo servizi non solo per differenziarsi dalla concorrenza, ma anche per ridurre i punti di dissanguamento per la vendita online.

Il vero problema non è altro che a rassicurare e sedurre ancora e ancora i navigatori online.

Per arrivarci?

Inizialmente dare al visitatore tutto quello di cui ha bisogno per essere rassicurato attraverso il sito web.  Rendere visibile immediatamente al cliente ogni elemento sulle modalità di consegna, i pagamenti, i consigli di utilizzo, le spiegazioni video, altri consigli, ulteriori idee …

Sono questi i valori aggiunti importanti per l’utente, che possono fare in modo che torni al tuo sito per un’altra visita e un altro acquisto.

Non  dimenticare di rafforzare i servizi esistenti in modo che siano ottimizzati al massimo e percepiti come capaci di consolidare il tuo sito sito web agli occhi degli utenti

Infine, pensa a sistemi di fidelizzazione e meccanismi di ricompensa, come l’affiliazione, per esempio.

In conclusione

L’e-merchandising è parte integrante della progettazione di un sito di eCommerce, e merita la massima attenzione prima di vendere qualsiasi prodotto. Nessun SEO salva una pessima rappresentazione dei prodotti. Identificare e organizzare l’ offerta, metterla in evidenza, ergonomia e servizi complementari, servono a costruire, per un negozio online, un percorso efficace con un buon tasso di conversione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

comments

Previous post:

Next post: