Applicazioni Facebook: Blurb GroupBook

blurb

in social network

Pubblicare un libro che raccolga le foto della propria famiglia, creare un regalo di Natale con gli amici per condividere le vacanze passate assieme, oltre a pensare a dei veri propri strumenti aziendali è oggi possibile con Blurb, il famoso servizio di e-publishing che ha deciso di lanciarsi nel social networking permettendo agli oltre 68 milioni di suoi utenti di pubblicare libri collettivi tramite un’applicazione su Facebook.
Molto interessante è il fatto che questa applicazione si sviluppa con la collaborazione tra gruppi di utenti.piuttosto che essere l’opera di un singolo.

Blurb GroupBook funziona in un modo molto semplice.

Si installa su Facebook e si apre un progetto Group Book fissando la data di inizio e la data di fine. Si chiede ai propri contatti di partecipare al progetto. Ogni invitato che decide di sottoscrivere il progetto può quindi inviare materiale, foto e commenti, visionare il proprio lavoro e vedere il contributo degli altri.
Il creatore del progetto ha invece la supervisione di tutto, può scegliere i contributi, editarli e comporli.
Una volta che il progetto si chiude si può finalizzarlo alla stampa utilizzando il programma Blurb BooksmartTM, fino alla pubblicazione di un vero e proprio libro. A questo proposito Blurb ha appena rilasciato una nuova versione di Blurb BooksmartTM, con nuove funzioni di editing, di composizione, sfondi, template, ed un numero maggiore di layout grafici in cui rilasciare il libro.
Adesso si può comunicare a tutti i propri contatti Facebook la notizia utilizzando gli strumenti propri di Facebook, mails, wall post, mini feed, eventi, note. Si può quindi segnalare il libro nel proprio profilo, metterlo in vendita in bookstore online, ordinarne le copie che si crede, pubblicizzarlo e venderlo nel proprio blog, spazio eBay o e-commerce.
I social network come Facebook stanno facendo crescere i contenuti ed è sempre più sentita l’esigenza di trasferire in un supporto solido e tangibile almeno parte di questi contenuti. Non solo. E’ vero che molti contenuti nascono e muoiono istantaneamente, ma è vero che molte persone hanno il piacere di un supporto solido per conservare ricordi ed emozioni, e niente riesce ancora a sostituire un buon libro, che si dimostra più efficace di una pagina web (non fosse altro che per accendere un camino, se proprio non si ha altro a disposizione)

Oltre alla operazione ludica e familiare, questa applicazione può avere un buon risvolto aziendale. Penso alla pubblicazione di una storia, ad un processo produttivo, alla documentazione della storia di una impresa collettiva, a degli strumenti di diffusione della cultura aziendale che possono trovare un sostegno anche in realtà medie e piccole.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

comments

Previous post:

Next post: