Crowdsourcing: Maurizio Goetz ad Expogadget il 5 marzo 2010

crowdsourcing,accademia arti grafiche venezia,expogadget

in style on the spot

Da venerdì 5 a domenica 7 marzo 2010, si svolge a Padova Expogadget, una rassegna importante dedicata al mondo digitale. Tre aree spedicifiche: il device digitale con i produttori, il mondo del video game, ed una’area dedicata alla formazione.

All’interno di Expogadget si svolgono i seminari di Talento, Tecnologie e Tendenze

Talento, Tecnologie e Tendenze: un titolo significativo per dare visibilità all’area dei workshop e della formazione, senza banalizzare troppo un’attività che riteniamo importante, organizzata da Accademia delle Arti Grafiche di Venezia ed Inside Srl. Tre grandi macro aree di intervento su cui discutere e formarsi anche nei prossimi anni, collocate in una fiera che tratta di device digitali e videogames.

Maurizio Goetz è presente venerdi 5 marzo dalle ore 15,30 al padiglione 7/8

Crowdsourcing: logiche collaborative per l’impresa

Gli sviluppi tecnologici hanno rivoluzionato il mondo del lavoro, e dell’impresa. Una delle parole chiave è crowdsourcing, una logica collaborativa che incentiva lo sviluppo delle idee. Uno strumento utile per creare business redditizi e innovativi, battendo la concorrenza sul tempo e nuotare in un blue ocean dove potrete dettare le regole.

Abbiamo parecchie domande da fare a Maurizio Goetz, sia partendo dalle esperienze più significative e che funzionano in rete che riflettendo sulle esperienze che presentano difficoltà.

Da una parte aziende come Stabucks, Dell, Domino’s Pizza, rappresentano esempi positivi e smbrano aver trovato una formula che rappresenta quasi una evoluzione del brainstorming per la quantità di implicazioni positive che si ripercuotono sulle marche in oggetto.

Dall’altra parte anche alcuni esempi controversi, uno su tutti la storia che riguarda le caramelle Skittle e gli esiti della sua presenza sui social media.

Più interessante ancora sarebbe il caso della presidenza Obama, che sembrava dovesse segnare un nuovo ed epico passo in avanti nella partecipazione democratica delle persone, dopo l’intenso uso delle nuove tecnologie durante la campagna elettorale, ed il contraccolpo subito dopo solo dodici mesi di presidenza.

E’ evidente che i casi sono diversi e che la comunicazione aziendale non è la comunicazione politica.
Ma è anche importante capire come una democrazia potrebbe usare modi di pensare ai problemi e trovare soluzioni non comuni.

Tantissima carne al fuoco sicuramente. Ma una buona occasione per iniziare un discorso

Maurizio Goetz insegna all’Università IULM
Marketing usabile è il blog in cui trovate molte su idee

Venerdi 5 marzo 2010 potete incontrare Maurizio Goetz ad Expogadet in Fiera a Padova

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

comments

Previous post:

Next post: