Come indirizzare il traffico e incrementare le vendite con la generazione della domanda

indirizzare il traffico

in ecommerce

Quando si parla di generazione di domanda, stiamo parlando di creare consapevolezza per i tuoi prodotti e servizi  per attirare potenziali clienti nel tuo negozio. Qui ci sono alcuni semplici passaggi indirizzati ai proprietari di piccole imprese con risorse limitate.

Definisci i tuoi obiettivi.

Quando costruisci il tuo business plan definisci esattamente il modello di business e gli obiettivi di fatturato. Assieme agli obiettivi definisci i KPI,  gli indici di performance. Chiediti esattamente quali devono essere i tuoi obiettivi mese per mese. Gli obiettivi devono essere misurabili e determinati per periodo di tempo. Ad esempio un obiettivo è fare 100 vendite alla settimana. E’ un obiettivo misurabile e puoi lavorare per raggiungerlo.

Identifica gli obiettivi di mercato ed i messaggi giusti.

Non si può pensare di vendere tutto a tutti, ed è importante attrarre i giusti prospects con il giusto messaggio. Vendere vino agli astemi non sembra un corretto obiettivo. Se hai un database di clienti,  questo potrebbe essere importante per individuare le figure che sono maggiormente attratte dal tuo ecommerce. Puoi creare delle personas raffigurando esattamente il comportamento di segmenti precisi di clienti. Le personas servono anche per costruire scenari diversi in spazi di vendita diversi. E’ infatti diverso essere un cliente e navigare in un sito visto su un desktop, che essere un cliente e comprare su Facebook.

Scegli il tuo marketing mix.

Ogni prodotto ha sue caratteristiche e possono esserci mezzi espressivi diversi. Devi partire da un budget, la disponibilità finanziaria che metti a disposizione per queste attività, sapendo che esiste un problema di spesa eccessiva, ma che è più facile che esista il problema contrario: la spesa insufficiente ed inutile. Nel tentativo di risparmiare, pensando che Google rapini i tuoi soldi, aiutato dal tuo consulente, hai talmente il braccino corto che butti via danaro ed opportunità. Quello che trovo sempre esilarante sono i clienti che mi dicono che non sanno che budget usare…

Definisci il tuo budget.

Fissare un budget è specifico di ogni attività aziendale che si muova con cognizione di causa sul proprio operato. Se lavori a ritroso sui tuoi dati potresti costruire,  con un semplice foglio excel,  un modello di Costo di Conversione per sapere quanto traffico hai bisogno di generare e quanto traffico serve per raggiungere gli obiettivi che ti sei fissato. Ricorda che ogni canale di marketing ha un proprio costo e diversi tassi di conversione.

Misura il tuo successo.

Impara a misurare, perché se non misuri non conosci. Misura il costo per visitatore, il costo del ciclo di vita di un consumatore, le frequenze di rimbalzo. Impara a confrontare i risultati con gli obiettivi prefissati. Misura come sta andando rispetto alle previsioni.

Determina il tuo mix di programma.

Ogni azienda è diversa e non c’é il programma: one size fits all.

  • Il tuo obiettivo è aumentare la brand awareness? Devi pensare a veicoli molto efficaci nella creazione memorabile di consapevolezza visiva ed uditiva del brand, e devi essere pronto agli inevitabili alti costi che questo approccio prevede.
  • Se il tuo obiettivo primario  è quello di indirizzare il traffico e accrescere le vendite, si potrebbero preferire PPC, annunci display online, e-mail, direct mail. Questi veicoli tendono ad offrire una migliore segmentazione del pubblico e più chiarezza nella attribuzione e nel monitoraggio del ritorno sull’investimento.

Nel caso di una piccola azienda con risorse finite, io di solito suggerisco il Pay-per-click come un semplice e conveniente punto di partenza per diversi motivi principali:

  • Ampia esposizione : Ci sono decine di miliardi di ricerche ogni mese, molti delle quali sono per prodotti e servizi.
  • Annunci altamente mirati : è possibile selezionare parole chiave specifiche, siti web specifici, e persino limitare alle ricerche solo nella tua zona o per particolari momenti della giornata.
  • Controllo in tempo reale dei costi : Tu hai il potere di fissare budget giornalieri o mensili, segmentare gli annunci, controllare gli importi delle offerte e attivare gli annunci e disattivarli  istantaneamente
  • Monitoraggio e test : è anche possibile modificare facilmente i messaggi e integrare la conversione ed i report nella web analytics utilizzando i codici di monitoraggio corretti.

Come beneficio secondario, il PPC è un grande strumento per aiutare a definire la strategia SEO a lungo termine. È facile sfruttare i dati relativi alle prestazioni per determinare quali parole chiave sono le più popolari, dando priorità ai contenuti pertinenti e alle pagine di destinazione.

Infine, non importa quale mix si utilizza per indirizzare il traffico verso il tuo sito. Ricorda che non è importante il tuo sito quanto l’esperienza del  cliente. Il passaparola è il canale più forte di marketing, e non può essere comprato. Hai speso tempo, denaro ed energie per costruire grandi prodotti e portare la gente al tuo sito, non dimenticare di tenerli avvinti, di coinvolgerli:  e se fanno una esperienza positiva, prima o poi vorranno condividerla.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Questo post è stato trovato con:

idee per aiutare i kpi in negozio

Commenti

comments

Previous post:

Next post: