Notizie contraddittorie su Facebook Commerce.

facebook commerce

in ecommerce

Gap, Nordstrom, JC Penny e Gamestop sono stati i primi negozi ad aprire su Facebook ed in questi giorni sono i primi a chiudere perché il ritorno non sembra essere sufficiente. 

C’è un lungo articolo su Bloomberg che analizza la situazione e trae alcune conclusioni. La mia opinione è che,  quando questi marchi aprirono su Facebook,  si mise troppa enfasi sul fatto che i consumatori avrebbero comperato direttamente su Facebook, saltando il sito di vendita, così oggi c’è altrettanta troppa enfasi nel dichiarare che il commercio su Facebook non funziona e non potrà funzionare.

Troppa fretta?

L’idea che sia facile mettere in piedi una vendita su Facebook gira da molti anni, ma evidentemente non è così. Ricordo anche che 12 o 13 anni fa l’entusiasmo sull’ecommerce era alto e si è passati attraverso molte prove e molti errori prima di consolidare un modello vincente e soprattutto conquistare la fiducia dei clienti, garantendo una solida esperienza del cliente.

Credo che prima di scegliere la vendita diretta su Facebook sia necessario creare esperienza nei social network e conoscere bene le reti. La vendita online su Facebook è affare complesso,  non fosse che per vincere una naturale diffidenza del consumatore che sta facendo altro.

Costruire senso.

Ci sono ovviamente una marea di opinioni contrastanti sul modello di business che potrebbe essere utilizzato su Facebook, ma è anche vero che molte aziende semplicemente non usano il social network come luogo per vendere i prodotti, ma piuttosto come un luogo per interagire con i propri clienti e creare un rapporto con loro per il futuro. 
Molti altri negozi usano esattamente Facebook come il loro negozio online, senza aggiungere nulla di diverso rispetto all’acquisto sul sito, ed è una duplicazione che non sembra avere molto senso.

Spesso ci riferiamo alle esperienze di grandi brand, confidando che la loro capacità economica superi i problemi di progetto. E non sempre grande brand significa progetto vincente.
Mentre questi grandi progetti hanno una battuta di arresto, ad analizzare le cose sotto traccia ci sono realtà molto efficaci che trovano su Facebook dei modi espressivi che poi riescono anche a tradurre in incremento di volume d’affari.
Valdoca , ad esempio, concretizza molto tutte le campagne che sostengono la vendita online. 
Al punto che nella programmazione delle attività di vendita, Facebook ha un posto centrale e lo si ritrova poi come fonte di traffico notevole che contribuisce alla riuscita economica della campagna.

Se l’F-commerce produrrà effetti positivi, se crescerà e come si configurerà, lo sapremo presto, solo le strategie di business ci diranno come si sviluppa il commercio su Facebook.
Ciò che appare chiaro è che non può essere trattato come una pagina web su un social network, o almeno, questo è quello che ci dicono i fatti fino ad oggi. 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

comments

Previous post:

Next post: